La buona notizia è che Dio non esiste. La cattiva è che in Italia non si può dire.

L’associazione UAAR non potrà farsi pubblicità sugli autobus di Genova.

La concessionaria di pubblicità ha negato gli spazi, in base al codice di autodisciplina, alla seguente frase:

“La cattiva notizia è che Dio non esiste. La buona, è che non ne hai bisogno”.

Pare che la frase fosse “offensiva”.

Ora, mi piacerebbe fare causa alla stessa concessionaria (che ha praticamente il monopolio in Italia) per tutte le pubblicità su:

  1. Babbo Natale. Ingannevole.
  2. Tettone e scosciate. Mercificazione del corpo femminile.
  3. Otto per mille. Offensiva per tutti i non cattolici.

E via elencando…

Ma non è questo il punto.

Non si può dire che Dio non esiste.

In compenso, molti politici evitano per tutta una carriera politica di dire che Cosa Nostra esiste.

Però si può dire che Dio esiste, e un politico dalla spregiudicata prontezza ha già tappezzato Roma con i manifesti che affermano:

“Dio esiste, e anche gli atei lo sanno”.

Che chissà perchè mi suona tanto come la celebre battuta del Marchese del Grillo:

“Io so’ io, e vui nun siete un cazzo”.

La buona notizia è che Dio non esiste. La cattiva è che in Italia non si può dire.ultima modifica: 2009-01-19T19:55:40+00:00da fen_church
Reposta per primo quest’articolo

6 pensieri su “La buona notizia è che Dio non esiste. La cattiva è che in Italia non si può dire.

  1. Dico che questa è una campagna di vergogna, altro che libertà di pensiero. Meno male che Dio esiste e che ama l’uomo. Basta solo pregare e si vedono i risultati sentire la pace del cuore e si arriva a capire che Dio c’é. Poi saremmo in pace se Dio non esistesse? Cosa varrrebbe il nostro correre il nostro darci da fare? Se dobbiamo morire andiamo tutti alle Maldive a godercela. Cosa lavoriamo a fare cosa soffriamo a fare per finire sotto terra? Ne vale la pena? Se la vita fosse questa desidererei morire subito. Andate a dirlo ai famigliari dei caduti a Nassyria, dell’Afghanistan, della tragedia del messinese, ai parenti dei morti di L’Aquila che Dio non c’è e che possono farne a meno. Vedremo come ne sarebbero contenti!!!

  2. Credere aiuta. Fa stare meglio. Questo non vuol dire che Dio esista. Trovo strano che qualcuno mi voglia bene solo se lo prego e lo lusingo. Poi non si fa vedere ma devo credere che esista e che mi voglia bene. Io non farei mai così coi miei figli… Come giudichereste un genitore che si comporta così?

  3. invece di promuovere deleterie campagne pubblicitarie, perché non cerchi di dimostrare ciò che affermi, se tu ne hai le prove…
    Io credo che Dio esista, perché ho avuto delle esperienze che mi hanno mostrato la sua autorità e la sua potenza.
    O pensi forse che tutto ciò che esiste, l’universo, che è un preciso orologio dal movimento complicato, sia sorto così per caso?
    Le leggi naturali forse ti potranno sembrare crudeli a volte e qualche volta hai potuto pensare: Ma se Dio esistesse allora perché non interviene per sanare la mente dell’umanità che è cosi depravata?
    Ma ti domando: Gli uomini che non credono si sono qualche volta umiliati davanti alla Sua potenza? Lo hanno invocato nella propria vita per poterlo conoscere ed onorarlo come Dio? Gli hanno chiesto d’intervenire nella loro vita? Hanno pensato qualche volta di mettersi nella condizione di sapere quale fosse la sua volontà? Tu personalmente come puoi pensare che il Signore si possa rivelare a te con tutto il Suo amore se tu lo disprezzi in codesto modo? Dovresti ravvederti invece, confessare i tuoi peccati (a Dio, non agli uomini) e finalmente credere al Signore. Allora vedrai la differenza che c’è tra coloro che amano Dio e coloro che lo disprezzano.

  4. Sta per arrivare il giorno in cui tutti gli uomini renderanno conto a Cristo per tutti i mali che hanno commesso e per le offese che i malvagi hanno pronunciato. Com’è vero che esiste la morte, Cristo sta per venire e questa volta per fare vendetta, come scrisse l’apostolo Paolo ai Cristiani di Tessalonica…

  5. X Oscar Giulio:

    Gli uomini che non credono dovrebbero, secondo te, umiliarsi davanti alla potenza di un essere che ritengono inesistente.

    Io non mi sono mai umiliato davanti alla potenza di Superman. Eppure Superman è potentissimo, solo che non credo che esista.

    Tu ti sei qualche volta umiliato davanti alla potenza degli dei dell’Olimpo? Li hai invocati nella tua vita per poterli conoscere ed onorarli come dei? Hai chiesto loro d’intervenire nella tua vita? Hai pensato qualche volta di metterti nella condizione di sapere quale fosse la loro volontà? Tu personalmente come puoi pensare che Giove & C. si possano rivelare a te con tutto il Loro amore se tu li disprezzi in codesto modo, non credendo nella loro esistenza?

Lascia un commento